Falegnami moderni, ​​​​​​​Tecniche medievali

Un battito costante fuoriesce dal negozio di legno nel parco della storica "Gunnebo House and Gardens", vicino a Göteborg, in Svezia, mentre il sole scorre attraverso le finestre secolari, sui banchi da lavoro coperti di segatura e attrezzi sparsi. È il suono di un giunto a tenone e mortasa in divenire, alla vecchia maniera. Quando i falegnami di Gunnebo lavorano la loro magia, lo fanno principalmente usando semplici strumenti manuali, disegni architettonici del 1700 e tecniche risalenti al Medioevo.

“Il nostro compito è cercare di capire le intenzioni degli architetti del Settecento e dell'Ottocento che hanno progettato questo luogo, e come volevano che fosse. Molte volte dobbiamo fare ipotesi più o meno plausibili", afferma Andreas Bergerson, falegname di Gunnebo.

gunnebo_fristads_desktop

Lavori di ristrutturazione in corso

Andreas fa parte di un team di quattro persone – due falegnami, un legnaiolo     e un architetto specializzato in conservazione – che lavorano insieme per riportare Gunnebo, che ora è una riserva culturale e un museo, al suo antico splendore. L'ultimo importante restauro della tenuta iniziò nel 1949, dopo che il Comune di Mölndal lo acquistò dagli ultimi proprietari privati. Ora è in corso un altro ambizioso progetto di ristrutturazione, a partire da tre stanze nell'edificio principale. Nei prossimi anni verranno riparati i serramenti obsoleti, sostituito il tetto in rame e le pareti scrostate saranno riparate e verranno riverniciate. Tutto viene fatto in consultazione con l'architetto specializzato in conservazione di Gunnebo, Stefan Günther, e gli esperti di restauro. Il team si prende la massima cura per rimanere il più fedele possibile ai design e ai materiali originali.

“Il nostro lavoro è in parte storia dell'arte, in parte artigianato di alto livello. È condotto a un livello accademico molto elevato", afferma Andreas.

Oltre a migliorare gli interni e gli esterni del vecchio edificio esistente, Andreas e il resto del team stanno lavorando alla creazione di una replica esatta dell'Orangerie, che era il primo edificio che è stato innalzato sulla proprietà, alla fine del  XVIII secolo. Come l'edificio principale, l'Orangerie fu una creazione dell'architetto Carl Wilhelm Carlberg e aveva un design spettacolare. Sfortunatamente, non ci volle molto prima che l'Orangerie cadesse in rovina e alla fine bruciò al suolo.

Andreas fa parte di un team di quattro persone – due falegnami, un legnaiolo     e un architetto specializzato in conservazione – che lavorano insieme per riportare Gunnebo, che ora è una riserva culturale e un museo, al suo antico splendore. L'ultimo importante restauro della tenuta iniziò nel 1949, dopo che il Comune di Mölndal lo acquistò dagli ultimi proprietari privati. Ora è in corso un altro ambizioso progetto di ristrutturazione, a partire da tre stanze nell'edificio principale. Nei prossimi anni verranno riparati i serramenti obsoleti, sostituito il tetto in rame e le pareti scrostate saranno riparate e verranno riverniciate. Tutto viene fatto in consultazione con l'architetto specializzato in conservazione di Gunnebo, Stefan Günther, e gli esperti di restauro. Il team si prende la massima cura per rimanere il più fedele possibile ai design e ai materiali originali.

“Il nostro lavoro è in parte storia dell'arte, in parte artigianato di alto livello. È condotto a un livello accademico molto elevato", afferma Andreas.

Oltre a migliorare gli interni e gli esterni del vecchio edificio esistente, Andreas e il resto del team stanno lavorando alla creazione di una replica esatta dell'Orangerie, che era il primo edificio che è stato innalzato sulla proprietà, alla fine del  XVIII secolo. Come l'edificio principale, l'Orangerie fu una creazione dell'architetto Carl Wilhelm Carlberg e aveva un design spettacolare. Sfortunatamente, non ci volle molto prima che l'Orangerie cadesse in rovina e alla fine bruciò al suolo.

Artigiani e detective

Per ricreare l'Orangerie, gli artigiani di Gunnebo di oggi si affidano alle interpretazioni di Günther dei disegni originali di Carlberg, acquerelli della proprietà di quel tempo, ricerche storiche e informazioni derivate dagli scavi archeologici per ricreare l'Orangerie da zero. È un processo lungo e arduo che richiede sia un artigianato di alto livello che una discreta quantità di lavoro investigativo. Periodicamente, il piccolo team interno è assistito da studenti artigiani dell'Università di Göteborg che si riversano a Gunnebo per apprendere tecniche tradizionali che erano da tempo abbandonate per morte.
La costruzione dell'Orangerie è ora in fase di realizzazione da otto anni, ma gli artigiani non hanno fretta.

"Potremmo semplicemente dare uno schiaffo a un nuovo edificio, ma lo stiamo facendo nel modo più complicato perché vogliamo che il maggior numero possibile di studenti impari le vecchie tecniche e veda l'artigianato dal nostro punto di vista", spiega Andreas mentre ispeziona una    delle    finestre fatte a mano dalla Germania che ha installato nell'Orangerie.

“Questo mestiere fa parte del nostro patrimonio culturale immateriale. Queste abilità non possono essere insegnate attraverso i libri, devono essere trasmesse attraverso le mani degli artigiani, di generazione in generazione”.

Artigianato ed abiti sostenibili

La meticolosa ricostruzione dell'Orangerie farà sì che, una volta terminato, l'edificio durerà a lungo. L'utilizzo di materiali di qualità e processi rigorosi può essere più costoso in principio, ma renderà il progetto più sostenibile nel    lungo termine, il che si allinea bene con l'ambiziosa politica ambientale di Gunnebo. Gunnebo sta inoltre rafforzando il suo impegno per la sostenibilità fornendo agli artigiani e ai loro studenti abiti da lavoro della    colleziona    Green di Fristads. I capi delle collezioni Green hanno una Dichiarazione Ambientale di Prodotto, il che significa che l'impatto ambientale di tutte le fasi della produzione sono    state    accuratamente analizzate    e minimizzate.

"Abbiamo la grande ambizione di diventare sostenibili a tutti i livelli della nostra attività, ma trovare abbigliamento da lavoro all'altezza degli obiettivi della nostra politica ambientale è sempre stata una sfida", afferma Andreas. “Quando ho saputo di Fristads Green, tutti i pezzi sono andati al   loro posto. La scelta di questa collezione è stata per noi un passo successivo e naturale”.

Avvicinarsi al traguardo

L'inaugurazione dell'Orangerie è prevista per il 2022 e rappresenterà un'importante pietra miliare per riportare Gunnebo al suo maestoso passato storico. Per Andreas, assunto da Gunnebo nel 2013 per facilitare il completamento dell'Orangerie, l'inaugurazione sarà davvero speciale.

"Ricostruire l'Orangerie è un sogno di lunga data", dice Andreas, prima di mettere a posto i suoi attrezzi e concludere un'altra giornata di lavoro.

CHI È

Nome: Andreas Bergerson
Età: 50
Vive a: Älvängen, Svezia
Professione:   Falegname
​​​​​​​Luogo di lavoro: Gunnebo House and Gardens, Mölndal, Svezia
Attrezzo  preferito : “Il mio piccolo piano    a blocchi; Io lo uso per tutto il tempo."

About

Nome: Andreas Bergerson
Età: 50
Vive a: Älvängen, Svezia
Professione:   Falegname
Luogo di lavoro:  Gunnebo House and Gardens, Mölndal, Svezia
Attrezzo preferito: “Il mio piccolo piano    a blocchi; Io lo uso per tutto il tempo."

About

Nome: Andreas Bergerson
Età: 50
Vive a: Älvängen, Svezia
Professione:   Falegname
Luogo di lavoro:  Gunnebo House and Gardens, Mölndal, Svezia
Attrezzo preferito: “Il mio piccolo piano    a blocchi; Io lo uso per tutto il tempo."